Tu sei qui: Portale » Articoli » Berlusconi: «Meglio appassionati di belle ragazze che gay»

Berlusconi: «Meglio appassionati di belle ragazze che gay»

Questo è il punto di non ritorno: in quale paese civilizzato un presidente del consiglio potrebbe uscirsene con dichiarazioni del genere senza doversi dimettere subito?

«Meglio essere appassionati di belle ragazze che gay». Parola del premier Silvio Berlusconi, che intervenendo oggi all'inaugurazione del Salone del ciclo e motociclo a Milano scherza su Ruby, fa battute omofobe, attacca di nuovo i giornali e annuncia una nuova legge sulle intercettazioni.

«Tutto si risolverà in una tempesta di carta: vedrete che alla fine verrà fuori che non è stato altro che un atto di solidarietà che mi sarei vergognato di non fare, e invece l'ho fatto, lo faccio continuamente perché sono fatto così da sempre», ha continuto il presidente del Consiglio, riferendosi al suo intervento a favore di Ruby, la ragazza marocchina, diventata ieri maggiorenne, al centro di una indagine della procura di Milano per sfruttamento della prostituzione che ha raccontato di essere stata a una festa a casa del premier a Arcore. «Da sempre - ha proseguito il premier - conduco una attività ininterrotta di lavoro, se qualche volta mi succede di guardare in faccia qualche bella ragazza... meglio essere appassionati di belle ragazze che gay».

«Non leggete più i giornali, non leggeteli più perché vi imbrogliano, vi imbrogilano», ha poi ripetuto Berlusconi.

«Ho un problemino, avrei da sistemare una certa Ruby in uno di questi stand....», aveva scherzato poco prima il premier, riferendosi alla ragazza marocchina.

A dispetto «degli attacchi che arrivano da parte di giornali ed editorialisti sul Governo che non ha le idee chiare e non otterrebbe risultati, la realtà è che anche in quest'ultimo vertice europeo a Bruxelles abbiamo fatto un mare di gol», ha detto ancora Berlusconi, ribadendo che intende governare fino alla fined ella legislatura.

«Il governo ha la maggioranza e andremo avanti fino alla fine della legislatura», ha sottolineato ancora Berlusconi. «La cosa più negativa e grave - ha aggiunto - sarebbe affrontare una campagna elettorale in cui tutti si affronterebbero con la massima ferocia e i cittadini avrebbero ragione a non andare a votare».

«Il governo intende ripresentare al Parlamento una legge per regolamentare le intercettazioni», ha poi rivelato Berlusconi sottolineando che «questo tema è nel cuore degli italiani: abbiamo dei sondaggi che lo dicono». La legge, ha spiegato Berlusconi, conterrà tre punti: «l'ultilizzo di questo strumento dovrà essere limitato al terrorismo internazionale, alle organizzazioni criminali, alla pedofilia e agli omicidi; le intercettazioni non potranno essere prodotte come prove né dalla accusa né dalla difesa; chi pubblicherà il testo di intercettazioni dovrà subire un fermo del suo media da 3 a 30 giorni».

Berlusconi tra donne
«Il governo intende ripresentare al Parlamento una legge per regolamentare le intercettazioni», ha poi rivelato Berlusconi sottolineando che «questo tema è nel cuore degli italiani: abbiamo dei sondaggi che lo dicono». La legge, ha spiegato Berlusconi, conterrà tre punti: «l'ultilizzo di questo strumento dovrà essere limitato al terrorismo internazionale, alle organizzazioni criminali, alla pedofilia e agli omicidi; le intercettazioni non potranno essere prodotte come prove né dalla accusa né dalla difesa; chi pubblicherà il testo di intercettazioni dovrà subire un fermo del suo media da 3 a 30 giorni».

Azioni sul documento
PERCHÉ NON TI FANNO RIPAGARE IL DEBITO - Marco Bersani"

Come si sta riorganizzando la mafia dopo la morte di Riina: minacce, bombe ed estorsioni"

 
« novembre 2018 »
novembre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930