Tu sei qui: Portale » Articoli » Santoro sbanca l'audiweb Successo di Raiperunanotte - Tutti i video

Santoro sbanca l'audiweb Successo di Raiperunanotte - Tutti i video

Grande successo dello speciale Annozero contro la censura. 120.000 accessi unici registrati in contemporanea, boom di contatti ai siti. Megaschermi nelle piazze italiane. Santoro apre con video di Mussolini e Berlusconi. E si rivolge a Napolitano. Luttazzi: Italia sodomizzata da Berlusconi

«Una grande riscossa contro la censura». Così prometteva Michele Santoro alla vigilia dello speciale Annozero organizzato contro la censura al Paladozza di Bologna. E gli accessi registrati ai tanti siti che hanno dato la diretta streaming dell'evento - 120.000 utenti unici contemporaneamente, boom di contatti soprattutto al nostro sito Unita.it - gli hanno dato ragione. Lo show è partito con un video storico con Benito Mussolini che incita la folla e, a seguire, un pezzo di un video con il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi che urla ai simpatizzanti del Pdl: «Volete che torni al Governo questa sinistra?». I seimila presenti al palazzetto dello sport cominciano a inveire contro il premier. Prende poi la parola Santoro che, dal mezzo del campo di palasport emiliano, si rivolge al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con una lunga lettera aperta: «Noi non siamo al fascismo - dice il giornalista - ma certe assonanze sono comunque preoccupanti... Noi siamo qui per il nostro lavoro di giornalisti. Quarant'anni fa, proprio il 25 marzo, Danilo Dolci decise di infrangere le regole e di fondare la prima radio libera».

«Non voglio tirarla per la giacca», ha detto Santoro rivolto al Capo dello Stato. «Sono qui soltanto per ribadire che se i partiti non abbandonano la Rai e le istituzioni di garanzia, il nostro paese rimarrà sempre prigioniero del conflitto di interessi». «Noi - dice concludendo la sua introduzione - non solo abbiamo il diritto di parlare, ma anche il dovere di parlare e di farci sentire. Stasera accendiamo le nostre luci perché ricominci "Anno Zero"». Santoro ha ricordato l'Sos lanciato 40 anni fa con la sua radio libera siciliana da Danilo Dolci, facendolo proprio: «lui decise di infrangere la legge per fare la sua prima radio libera che trasmetteva dalla Sicilia e lanciava un Sos per terremotati e disoccupati del Belice. La radio libera di Dolci fu chiusa dalla polizia perchè aveva violato il monopolio, quando lo fecero altri nessuno intervenne, ma Dolci non aveva alle spalle nè un partito politico nè la P2». Santoro ha ricordato poi il caso delle intercettazioni di Trani: «Vorrei ricordarle signor presidente - ha aggiunto - che per una telefonata Nixon dovette dimettersi: aveva ordinato di spiare i suoi avversari del partito democratico e una commissione del Senato, quando scoprì che le telefonate erano state registrate, disse di pubblicarle per sapere cosa è successo. Qui si è compiuto un delitto di grande gravità: interferenza politica sulla libertà di espressione».

L'Autorità garante delle comunicazioni è «un arbitro tutto lottizzato», creato «nel nostro paese». E «anche questa è una violenza operata nei confronti della nostra Costituzione», ha aggiunto Santoro. Ed ha ricordato che «questo arbitro lottizzato emise una sanzione nei confronti della Rai quando ospitammo Beppe Grillo che le rivolgeva delle critiche. Grillo in questo momento è un soggetto politico e quale è il dovere di noi giornalisti? Pubblicare le critiche. Invece la calunnia, il vilipendio non spettano all'Agcom, spettano ai tribunali». Per Santoro «in quell'occasione si commise un'abnormità: una sanzione da 90 milioni di euro alla Rai qualunque cosa noi facessimo». Il conduttore ha detto anche «in questo paese non si deve parlare dei processi che riguardano il nostro presidente del Consiglio. Che di questi processi non si possa parlare è una ferita profonda del pensiero e della Costituzione».

Tra gli ospiti, oltre alla squadra di Annozero (da Travaglio a a Vauro), Giovanni Floris, Gad Lerner, Nicola Piovani, il comico Antonio Cornacchione, che si lancia in una parodia delle domande alla folla di Berlusconi alla folla di Piazza San Giovanni: «Volete voi che Silvio sconfigga il cancro in 3 anni?».

«Quello che mi colpisce è la tristezza del quadro complessivo. Tutto sta scendendo di livello perchè abbiamo un politico, al di là di chi è e del ruolo, che passa il tempo in maniera così rabbiosa e viscerale, che vede una cosa che non gli piace e e che va chiuso. L'idea che quello che non ti convince debba essere chiuso è un'idea asfittica», dice Giovanni Floris, intervenendo al Paladozza, precisando tuttavia di «non essere d'accordo sul parallelo tra Mussolini e Berlusconi», riferendosi alle immagini d'avvio della trasmissione.

Michele Santoro rievoca quindi l'editto bulgaro pronunciato a Sofia dal premier otto anni fa, che lo colpi' insieme a Enzo Biagi e Daniele Luttazzi. ''Noi siamo gli unici per i quali non scatta mai la prescrizione'', dice. Sul maxischermo compare il volto di Biagi e il pubblico del Paladozza si accende. Poi e' la volta di Luttazzi che - accolto da una standing ovation - si lancia in uno spericolato parallelo tra una donna sodomizzata e l'Italia ai tempi di Berlusconi. A seguire, tutti gli interventi dei protagonisti, dal cantante Morgan (fischiato, a dire il vero, dalla platea) ad Antonello Venditti, da Milena Gabanelli a Norma Rangeri, fino a Marco Travaglio.

La kermesse si conclude con un giuramento collettivo richiesto dal tribuno Santoro a sfottò verso gli incitamenti berlusconiani: "Ora e sempre, fuori dal vaso"! Girotondo sul palco, sipario. E la "madre di tutti gli streaming", come è stata ribattezzata dalla redazione di Santoro, si chiude con una certezza: è stato un grande successo mediatico.

 

 

VIDEO Da Bologna lo speciale "Raiperunanotte". Boom di contatti sul digitale e sul web, tanta gente nelle piazze.

Vignetta di Vauro

peli minzolini vauro

Azioni sul documento

Floris

Inviato da daniele il 26/03/2010 22:31
Ieri sera ero al Paladozza ed ho ascoltato tutti gli interventi ed i contributi, ma non ho potuto fare a meno di chiedermi cosa c'entrasse Floris che mi pareva più un fan della Polverini che un giornalista censurato, anzi direi che lui è stato censurato per caso, fa parte della cortina fumogena assieme a Vespa, colpire lui e l'insetto per non fare vedere che volevano colpire solo Santoro, per cui Floris chè c'azzecca con la protesta contro la censura?
« novembre 2017 »
novembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930