Tu sei qui: Portale » Blog Pancho Pardi » Articoli » Direzione PD: Renzi senza vergogna!

Direzione PD: Renzi senza vergogna!

Che direzione ha preso la direzione PD? I commenti sono già tantissimi e forse esauriscono la materia: somma ipocrisia della falsa unanimità a scopo difensivo di fronte al voto incombente; prudenza dei renziani e irresolutezza dell'opposizione...

Poi c'è il colore: Renzi che perde l'ennesima occasione di stare zitto e si permette di fare battute sul rosatellum e i 5Stelle...

Ma la pochezza del fatto ingrandisce l'assenza maggiore. Quale?

Un partito perde clamorosamente prima il referendum, poi il 40 per cento del Sì che Renzi credeva suo si riduce a meno della metà nella sconfitta elettorale. Questo partito proclama urbi et orbi che ha perso le elezioni e quindi si accoccola nell'opposizione. Ma riesce a non dire una parola a se stesso e ai suoi militanti sulle ragioni della sconfitta. Non ne vuole parlare, vuole ignorarle?

Alla sconfitta referendaria attribuisce in primo luogo l'origine del rosatellum, imposto però con otto voti di fiducia. E in secondo luogo l'impossibilità di formare maggioranze e governare. Ma non si chiede perché ha perso il referendum. Non c'è ricerca di cause, né prime né ultime. Che sia questo il "velo d'ignoranza" di cui parlano gli specialisti?

Allo stesso modo la sconfitta elettorale non ha padri né madri. Un segretario che ha portato il proprio partito al disastro, perdendo più di metà dei suoi voti, come può non esprimere una qualsiasi opinione sulla sconfitta?

Non parla perché non ne conosce le ragioni o perché non vuole metterle a verbale? Curioso, non fa che dire: anche io ho il diritto di dire la mia. Su tutto meno che sulla sconfitta. Provi a dire qualcosa con parole sue.

Ma se non ci riesce, come fa a stare seduto in terza fila nella direzione del suo partito sconfitto, senza vergogna?

Si capisce l'assenza di comprensione, ma l'assenza di vergogna?...
Azioni sul documento