Tu sei qui: Portale » Posta dei lettori » Un vero studente

Un vero studente

Volentieri pubblichiamo questa lettera che condividiamo in toto.

L'uomo che si fregia (in modo inadeguato e ormai offensivo) della carica di Presidente del Consiglio Italiano ultimamente va dicendo in giro che il vero studente è chi resta a casa a studiare, mentre leggi malefiche (prodotte da ministri incompetenti più volte tacciati di incapacità e inadeguatezza nel proprio iter di studi e di lavoro) distruggono la scuola e l'Università PUBBLICHE.

Ebbene, non si può che indignarsi, e dall'indignazione nasce questo elenco, che ricorda a tutti noi chi è un vero studente.

Grazie studenti, per tutta la passione che metterete studiando, per tutta la libertà che cercherete vivendo, e per quanto saprete migliorare la vita di tutti studiando e vivendo da uomini liberi.


Requisiti per essere un vero studente.

 

  1. Un vero studente studia.

  2. Un vero studente pensa, osserva.Vive.

  3. Un vero studente, siccome vive, sa che studiare non è SOLO star seduti avanti a un libro.

  4. Un vero studente ama i libri, e la vita che c’è dietro e dentro ai libri.

  5. Un vero studente studia sui libri per capire, conoscere e saper cambiare in meglio se stesso e il mondo.

  6. Un vero studente, per capire se stesso e il mondo, pone domande.

  7. Non c’è cosa o persona che non possa essere interrogata dal vero studente.

  8. Le domande del vero studente possono essere temute, soprattutto se urlate in piazza.

  9. Un vero studente va in piazza per imparare, e per condividere con l’Altro ciò che ha imparato.

  10. Un vero studente va in piazza per imparare la Democrazia, esercitandola.

  11. Un vero studente ha imparato che la Scuola, l’Università e la Piazza sono luoghi dove si esercita la democrazia.

  12. Siccome la scuola e l’università pubbliche le hanno distrutte, al vero studente rimangono solo le piazze (finchè non si sgretoleranno come Pompei).

  13. Un vero studente va in piazza perché, studiando, ha imparato ad essere un Uomo Libero.

  14. Un vero studente, essendo un Uomo Libero, dice pubblicamente NO a chi attenta alla libertà sua e del suo Paese.

  15. Un vero studente studia, pensa, parla, agisce e reagisce, perché un vero studente NON E’ UN SUDDITO.

 

Lucia Panascì, Università di Firenze

Azioni sul documento

Commento di Santino Nastasi

Inviato da mariaricciardig il 16/12/2010 12:30
Grazie per il Decalogo del vero studente. Confesso che quando ho trovato sul sito di libera cittadinanza il Decalogo del vero studente, scritto dalla studentessa fiorentina Lucia Panascì, l’ho trovato subito interessante per la sua efficacia concettuale e per la sua implicita carica emozionale ,per questo l’ho immediatamente inserito nel nostro Sito di wstoriadellarte perché pensavo di utilizzarlo come un possibile spunto di discussione con gli studenti durante quei particolari momenti in cui la realtà irrompe inopinatamente dentro una lezione ( la scuola non è un acquario ! ) . Ma subito , come per un curioso miracolo, il Decalogo ha cominciato a circolare di classe in classe,di comitato in comitato, di assemblea in assemblea e in ogni occasione suscitava consensi ed emozioni. Penso che in quell’elenco gli studenti vi abbiano colto riferimenti per riconoscere una propria identità più consapevole. Una identità dove la politica assume il suo valore più vero e comprensibile e cioè il valore che permette alla persona, di superare l’istintivo individualismo per conquistare ,finalmente, una visione collettiva della realtà e in cui la complessità viene affrontata con gli strumenti del dialogo e del confronto per escogitare soluzioni condivise ;una politica che non vuole annichilire l’avversario per imporre così gli interessi di pochi . Credo che il Decalogo abbia suscitato entusiasmo perché si è trovato al posto giusto nel momento giusto, perché l’esigenza di cui è portatore è finalmente nell’aria e sboccia in questi giorni sotto i nostri occhi . Spero che ciò che accade non sia solo un sogno perché mai come oggi l’Italia ha bisogno di uomini liberi e non di sudditi.
Attuare la Costituzione
Luciano Barra Caracciolo


Paolo Maddalena
Intervistato
da Giulietto Chiesa


Paolo Maddalena
Attuare la Costituzione


ASSEMBLEA NAZIONALE
"COMITATI PER IL NO"
CONTINUA L'IMPEGNO


Elio Lannutti
sulla dittatura finanziaria