Tu sei qui: Portale » Dalle Sedi » Parma » Articoli » LETTERA APERTA AL SINDACO DI PARMA

LETTERA APERTA AL SINDACO DI PARMA

L'iniziativa rientra in un progetto dei Comitati per la Costituzione in tutta Italia e prevede la consegna di una lettera ai Sindaci delle città medaglia d'oro della resistenza perché prendano posizione contro il progetto di stravolgimento della nostra Costituzione nata dalla Resistenza.
LETTERA APERTA AL SINDACO DI PARMA

 

Le scriviamo questa lettera aperta nella Sua veste di Sindaco di un Comune medaglia d’oro della Resistenza.

Piero Calamandrei nel suo “Discorso ai giovani sulla Costituzione nata dalla Resistenza” tenuto a Milano, il 26 gennaio 1955, aveva scritto:

“Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un Italiano per riscattare la libertà e la dignità della nazione, andate là, o giovani, col pensiero, perché là è nata la nostra Costituzione.”

Il legame tra Resistenza e Costituzione è conseguente e indissolubile, e la fedeltà di tutti i cittadini alla nostra Carta fondativa rappresenta un dovere etico e politico.

Ai primi di dicembre con il voto della Camera arriverà a conclusione il percorso di approvazione del ddl 813 con cui il governo intende derogare all’art.138 della nostra Costituzione assicurandosi così un percorso accelerato per manomettere ben 69 articoli della seconda parte della nostra Costituzione.

Scavalcare le rigide norme stabilite con l’art. 138 che i padri costituenti avevano stilato proprio per evitare che occasionali maggioranze parlamentari potessero adottare frettolose e non meditate modifiche alla Costituzione, affidare a una commissione di cosiddetti saggi nominati dal governo, il compito di elaborare una totale riscrittura della seconda parte della Costituzione che rischiano di stravolgere completamente in senso presidenzialista la natura della nostra Repubblica, è un atto di inaudita gravità.

Tutto questo avviene ad opera di un Parlamento i cui componenti sono stati”nominati” grazie a una legge elettorale, il così detto Porcellum, che presenta forti aspetti di incostituzionalità, su cui si dovrà pronunciare a breve la stessa Corte Costituzionale.

Noi scriviamo pertanto a Lei, come rappresentante di tutti i cittadini di Parma e come custode della sua storia e della memoria del sacrificio di molti dei suoi cittadini durante gli anni della dittatura fascista, per chiederLe di prendere chiaramente posizione a difesa della Carta costituzionale, come stanno facendo tanti, associazioni, movimenti, comitati, singoli cittadini, in tutta Italia.

Le chiediamo di farlo 1) sottoponendo all’approvazione del Consiglio comunale, nella prima seduta utile, un ordine del giorno che recepisca i contenuti di questa nostra lettera aperta, 2) esponendo, fino alla data della votazione alla Camera dei deputati sul ddl 813, uno striscione davanti al Palazzo Comunale con la scritta:


Parma, città antifascista, difende la Costituzione”


Certi di una Sua attenta considerazione, confidiamo in un Suo riscontro.

Comitato di Parma “SALVIAMO LA COSTITUZIONE”

(ANPI, ALPI, FIOM, Comitato antifascista per la memoria storica, Libera cittadinanza, Popolo Viola, Azione Civile, Libera, Alba, Parma Bene Comune, SEL, PDCI, PRC, Sinistra studentesca universitaria, Commissione Audit, Consulta per la laicità, Coordinamnto Pace e Solidarietà, CIAC, Rete Dormire Fuori)

Parma, 09.11.2013

Azioni sul documento
Il patto sporco, Le verità che molti volevano nascondere"

PERCHÉ NON TI FANNO RIPAGARE IL DEBITO - Marco Bersani"

Come si sta riorganizzando la mafia dopo la morte di Riina: minacce, bombe ed estorsioni"

 
« novembre 2018 »
novembre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930