Tu sei qui: Portale » Dalle Sedi » Parma » Articoli » Occupazione Iren a Parma

Occupazione Iren a Parma

Gli attivisti che hanno partecipato venerdì 29 novembre all’occupazione degli uffici Iren per bloccare i tagli delle utenze per morosità incolpevole, rivendicano il blitz e denunciano il comportamento della polizia, definito repressivo.

Dopo la denuncia di 25 persone, portate in questura, in un comunicato stampa i manifestanti scrivono: “I fermati si vedevano negare l’intervento dei legali chiamati a loro difesa. Nel corso del fermo ai manifestanti sono stati notificati i seguenti capi d’imputazione: interruzione di pubblico servizio, invasione di edifici pubblici, manifestazione non autorizzata e violenza privata. Nel corso del pomeriggio, durante una mediazione favorita dall’intervento del Senatore Pagliari e della Deputata Maestri, è stata indetta per lunedì 2 Dicembre l’apertura di un tavolo di confronto fra movimenti, istituzioni e la dirigenza di Iren sugli argomenti sollevati durante la giornata”.

Ecco il comunicato integrale:

“Fermati gli attivisti della rete ‘No Inceneritori Emilia Romagna’ e della ‘Rete Diritti in Casa’ di Parma, per la resistenza passiva opposta durante l’occupazione degli uffici di Iren. L’occupazione in oggetto era finalizzata a richiedere una moratoria contro i distacchi delle utenze per morosità incolpevole.

Durante l’azione i manifestanti hanno ottenuto, per tramite del presidente della commissione ambiente del Comune di Parma, Fabrizio Savani, l’impegno dell’amministrazione comunale ad aprire un tavolo di confronto per definire aree di intervento volte a porre fine al fenomeno dei distacchi selvaggi a danno di chi già paga la crisi in prima persona e si trova depredato dei servizi minimi che dovrebbero essere garantiti costituzionalmente. I manifestanti richiedevano un confronto con la dirigenza di Iren che si è rifiutata di incontrare una delegazione di attivisti; al rifiuto gli attivisti hanno deciso per l’esercizio della resistenza passiva allo sgombero operato dai poliziotti della Questura di Parma.

Nella mattinata Iren ha imposto ai dipendenti l’interruzione del servizio allo sportello, nonostante i manifestanti, pacificamente, invitassero l’utenza ad usufruire normalmente dello stesso. Di fronte alla Questura, dove erano stati portati circa 25 manifestanti per l’identificazione e la notifica dei capi d’imputazione, si è tenuto un presidio che ha radunato circa 100 tra cittadini e simpatizzanti, mentre i fermati si vedevano negare l’intervento dei legali chiamati a loro difesa. Nel corso del fermo ai manifestanti sono stati notificati i seguenti capi d’imputazione: interruzione di pubblico servizio, invasione di edifici pubblici, manifestazione non autorizzata e violenza privata.

Nel corso del pomeriggio, durante una mediazione favorita dall’intervento del Senatore Pagliari e della Deputata Maestri, è stata indetta per lunedì 2 Dicembre l’apertura di un tavolo di confronto fra movimenti, istituzioni e la dirigenza di Iren sugli argomenti sollevati durante la giornata.

La giornata odierna rappresenta, nonostante la sproporzione dei capi d’imputazione, una prima vittoria del movimento che chiede una gestione etica dei servizi pubblici essenziali e l’istituzione di una soglia minima garantita per gli stessi, che devono essere sottratti alla gestione privatistica e speculativa delle mutiutilities.

Ancora una volta, a chi chiedeva diritti, Iren, deputata alla gestione dei servizi necessari alla dignitosa sussistenza della cittadinanza, risponde con un silenzio colpevole ed assordante, contrapponendo alle legittime richieste dei manifestanti, che hanno deciso di mettere in gioco i loro corpi, la priorità del profitto e la repressione esercitata dagli organi di polizia.

Questa grande giornata di lotta ha aperto una breccia attraverso la quale è facile scorgere le debolezze e le incongruenze della facciata etica dietro la quale si nasconde la vera natura dell’azienda. Oggi, dopo ore di lotta, di impegno e di sacrificio strenuo, i piedi d’argilla del gigante Iren hanno iniziato a cedere, facendo tremare dalle fondamenta l’intero castello. Ed è solo l’inizio”.

Azioni sul documento
Il patto sporco, Le verità che molti volevano nascondere"

PERCHÉ NON TI FANNO RIPAGARE IL DEBITO - Marco Bersani"

Come si sta riorganizzando la mafia dopo la morte di Riina: minacce, bombe ed estorsioni"

 
« novembre 2018 »
novembre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930