Tu sei qui: Portale » Dalle Sedi » Parma » Articoli » Per salvare la Costituzione serve un fronte unitario e popolare

Per salvare la Costituzione serve un fronte unitario e popolare

Lo straordinario successo dell’appello per difendere la costituzione e il diritto dei cittadini a partecipare alla decisione per modificarla, che abbiamo promosso a partire da venerdì scorso su queste colonne, e che in quattro giorni è stato firmato da più di 150.000 italiani, ci dice almeno tre cose.

La prima è che le pratiche inciuciste del governo delle larghe intese, che avrebbero potuto determinare scorata rassegnazione e crescita della disaffezione per la politica, stanno creando invece un effetto eguale e contrario. I cittadini raddoppiano la loro richiesta di partecipazione, e lo chiedono con voce sempre più alta, forte, intransigente.

La seconda è che gli italiani, seppure alle prese con i danni di una crisi che pagano quotidianamente sulla loro pelle in termini di asfissia economica, ingiustizia del sistema, impoverimento dei diritti, macelleria sociale, azzeramento dei servizi, appesantimento delle tasse, e tagli a cultura, istruzione e sanità, sono affezionati alla loro Costituzione. E da partigiani di una Costituzione ispirata invece a principi di solidarietà ed eguaglianza sanno bene che soltanto difendendola si può sperare di cambiare il nostro Paese. Salvare la Costituzione per salvare l’Italia e se stessi.

La terza cosa, quella più politica in senso stretto, è che tutti noi, promotori di questo appello e dei tanti altri che in questi giorni chiamano i cittadini a difendere la Costituzione, abbiamo da oggi una responsabilità in più. Trasformare le tante battaglie ed appelli in una sola voce, in un solo fronte. Un fronte unitario, costituzionale e popolare, che faccia argine con la sua forza e con il suo popolo, che è quello dei referendum per i beni comuni, contro ogni accordo di casta per stravolgere la Costituzione. Su questo colonne ieri Paolo Flores d’Arcais proponeva di organizzare una manifestazione nazionale a settembre, facendo seguito ad analoghe proposte di Sandra Bonsanti a nome di Giustizia e Libertà e di Beppe Giulietti per art.21.

Non credo ci sia chi voglia piantare bandiere e rivendicare primogeniture in questa battaglia. Ognuno ha il diritto e il dovere di farsi cittadino attivo. Che si faccia un tavolo unitario delle tante sigle, associazioni, movimenti, comitati, pronti ad organizzare una grande manifestazione di piazza a settembre quando il dibattito parlamentare entrerà nel vivo e chiamiamo a raccolta i cittadini disubbidienti e partigiani della Costituzione. Un fronte ampio, inclusivo, popolare e costituzionale si può costruire ed abbiamo il dovere di farlo. Insieme. Salviamo la Costituzione per salvare il Paese.

Buffa Costituzione 600

Azioni sul documento
LO SPREAD: Spiegato così, lo capiscono tutti!"

PERCHÉ NON TI FANNO RIPAGARE IL DEBITO - Marco Bersani"

Come si sta riorganizzando la mafia dopo la morte di Riina: minacce, bombe ed estorsioni"

 
« ottobre 2018 »
ottobre
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031