Tu sei qui: Portale » Dalle Sedi » Parma » Articoli » Sentenza Berlusconi, i costituzionalisti si oppongono allo «pseudo-Aventino»

Sentenza Berlusconi, i costituzionalisti si oppongono allo «pseudo-Aventino»

Cinquantasei professori contro «i tentativi di condizionare in forme irrituali il regolare svolgimento dei processi»

I sottoscritti professori di diritto costituzionale, di diritto pubblico e discipline affini si oppongono fermamente a tentativi anche di una sola parte del Parlamento di condizionare in forme irrituali il regolare svolgimento dei processi civili o penali, quali che siano i soggetti coinvolti, minando così, insieme con la divisione dei poteri, l’indipendenza della magistratura voluta e garantita dalla nostra Costituzione.

È semplicemente mostruoso accostare l’abbandono dei lavori parlamentari da parte delle opposizioni aventiniane nel giugno del 1924, dopo l’assassinio di Giacomo Matteotti, alla sospensione dei lavori parlamentari ventilata nei giorni scorsi. Quand’anche la tempestiva fissazione della pubblica udienza di un processo penale di un leader politico per reati comuni, prossimo alla sua estinzione per decorsa prescrizione, non fosse stata giustificata, come invece lo è in quanto l’omessa tempestiva fissazione avrebbe coinvolto la responsabilità disciplinare dei singoli magistrati, il Parlamento, come e più del popolo sovrano, deve sempre esercitare le sue funzioni soltanto «nelle forme e nei limiti della Costituzione» come prescrive il primo articolo della nostra Legge fondamentale.

Alessandro Pace, Gustavo Zagrebelsky, Gianni Ferrara, Valerio Onida, Alessandro Pizzorusso, Lorenza Carlassare, Giuseppe Ugo Rescigno, Umberto Allegretti, Gaetano Azzariti, Antonio Ruggeri, Paolo Ridola, Adele Anzon Demmig, Michela Manetti, Stefano Merlini, Paolo Caretti, Roberto Romboli, Riccardo Guastini, Vittorio Angiolini, Alfonso Di Giovine, Stefano Sicardi, Silvio Gambino, Ernesto Bettinelli, Antonio D’Andrea, Gian Candido De Martin, Enzo Balboni, Alberto Lucarelli, Luigi Ventura, Vincenzo Baldini, Roberto Pinardi, Marco Ruotolo, Sergio Lariccia, Saverio Regasto, Rolando Tarchi, Maurizio Pedrazza Gorlero, Francesco Cerrone, Silvia Niccolai, Massimo Villone, Anna Marzanati, Maria Agostina Cabiddu, Ferdinando Pinto, Alessandro Torre, Giovanni Di Cosimo, Antonio Reposo, Barbara Pezzini, Gianni Serges, Emanuele Rossi, Maria Paola Viviani Schlein, Francesco Bilancia, Roberto Borrello, Angela Musumeci, Elisabetta Palici di Suni, Claudio De Fiores, Aldo Loiodice, Isabella Loiodice, Salvatore Bellomia, Marina Calamo Specchia.
Azioni sul documento
Il patto sporco, Le verità che molti volevano nascondere"

PERCHÉ NON TI FANNO RIPAGARE IL DEBITO - Marco Bersani"

Come si sta riorganizzando la mafia dopo la morte di Riina: minacce, bombe ed estorsioni"

 
« novembre 2018 »
novembre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930