Tu sei qui: Portale » Dalle Sedi » Roma » Articoli » Consip fan tutti

Consip fan tutti

Il tripudio di congratulazioni al babbo di Renzi (e al figliolo) ricordano gli scalmanati festeggiamenti a Minzolini per la scampata decadenza. La casta è così: basta un niente e si esalta stringendosi a protezione del perseguitato di turno. Il teorema stavolta  è che un errore nell'indagine Consip ne comprometta tutto l'impianto. E da lì, alla proclamazione dell'innocenza con canonizzazione incorporata, è un attimo.

Eppure, il fatto emerso non era nascosto. L'errore si riferisce alla trascrizione del carabiniere Scafarto della frase sulla frequentazione di Renzi - erroneamente imputata a Romeo invece che al suo consigliere Bocchino - come emerso dall'ascolto delle bobine delle intercettazioni, che lo stesso militare ha consegnato ai giudici. Se il gesto fosse stato doloso, sarebbero state manomesse o danneggiate anche quelle. Modestamente, in fatto di servizi deviati e distruzione di prove in Italia abbiamo una certa esperienza. Questo semplice ragionamento dovrebbe ridimensionare l'affare Scafarto a dettaglio da chiarire, ma non tale da dissipare le pesanti ombre che ancora si allungano sulla Consip, visto che altri indizi e testimoni fanno ritenere tuttora pesantemente coinvolti negli appalti della centrale acquisti dello Stato, Renzi Padre, il Figlio e lo spirito infranto del PD. 

Partito che si sente accerchiato. E minaccia querele per chi - come la trasmissione d'inchiesta Report - mette in dubbio l'onore del proprio giornale, L'Unità. Mentre la versione più realistica è che la testata - benché pesantemente indebitata - porti fortuna agli altri. Infatti da quando un imprenditore con poche commesse l'ha rilevata, non fa che vincere appalti pubblici. La fortuna, si sa, bacia gli amici. E Consip fan tutti.

Massimo Marnetto

Azioni sul documento
« novembre 2017 »
novembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930