Tu sei qui: Portale » Dalle Sedi » Roma » Articoli » Minacce da corte marziale

Minacce da corte marziale

Berlusconi, Bondi: si trovi la soluzione o in Italia scoppierà una guerra civile (Il Messaggero del 3 agosto 2013)

Ora le minacce sono più concrete; non più la caduta del governo, bensì la guerra civile, il tutto per una pretesa difesa della democrazia che vorrebbe il leader della destra eversiva intoccabile malgrado documentati, provati e accertati reati.

Una minaccia che diventa risibile essendo pronunciata da Bondi, che di una eventuale guerra civile si farebbe partecipe e ispiratore.

Sarebbe stata più credibile si pronunciata da La Russa, l'ex ministro della difesa che tanto si è adoperato per selezionare i militari accettati nelle due armi scelte: i marò dei lagunari e i parà della Folgore; reparti che La Russa avrebbe voluto inserire nei progetti di difesa dell'ordine pubblico in caso di manifestazioni, a supporto delle forze dell'ordine.

Si chiariscono i paletti che identificano l'amore per la patria tanto predicata dall'ex cavaliere, oggi definitivamente disarcionato.

Saranno Brunetta e Schifani a recarsi dal Presidente della Repubblica Napolitcano per perorare un atto di clemenza come "la grazia" per Berlusconi, sostituendo la clemenza con l'arroganza e le minacce ?

Le guerre civili si fanno in due, altrimenti si tratterebbe di colpo di  Stato; hanno valutato con quale controparte si scatenerebbe tale auspicata guerra civile ?

Non si tratta più di paventare un rischio, ma viene lanciato un avvertimento da un parlamentare che ha rivestito ruoli istituzionali, commettendo un reato da corte marziale.

Azioni sul documento
Il patto sporco, Le verità che molti volevano nascondere"

PERCHÉ NON TI FANNO RIPAGARE IL DEBITO - Marco Bersani"

Come si sta riorganizzando la mafia dopo la morte di Riina: minacce, bombe ed estorsioni"

 
« novembre 2018 »
novembre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930