Tu sei qui: Portale » Dalle Sedi » Roma » Articoli » Con L'ANPI per un 25 aprile di pace e di unità

Con L'ANPI per un 25 aprile di pace e di unità

Il Comitato per il No nel referendum costituzionale e il Comitato contro l'Italicum appoggiano e sottoscrivono la posizione promossa dall'Anpi, insieme ad altre associazioni e organizzazioni sindacali, che esprime grande preoccupazione per il clima di guerra che in queste ore sembra avere preso il sopravvento e invitano i Comitati territoriali e i singoli cittadini ad aderire al loro appello.

Sembra di assistere ad una folle rincorsa verso posizioni di guerra che arrivano a parlare, senza timore, addirittura di guerra nucleare, che, come sappiamo, segnerebbe la fine della civiltà stessa sul pianeta.

E' una folle rincorsa che deve essere fermata, riprendendo anche le posizioni di grande allarme che in questo senso ha espresso papa Francesco. Purtroppo da tempo la questione degli arsenali atomici non è al centro dell'attenzione, come dovrebbe essere, e ci si deve porre l'obiettivo di rilanciare un'azione per il disarmo atomico bilanciato e controllato. Inoltre questa rincorsa agli armamenti convenzionali e atomici crea un crescente uso distorto delle risorse disponibili che vengono sottratte alla lotta alla fame e alla povertà e per togliere dall'abbandono intere aree del mondo, di cui il fenomeno della migrazione biblica, che investe anche il nostro Paese, è un aspetto. 

Per questo i Comitati invitano a fare del 25 aprila una grande opportunità non solo per ricordare con orgoglio la resistenza e la riconquista della democrazia (sempre da proteggere visto l'esito drammatico del referendum costituzionale che ha sancito la trasformazione della Turchia in un ordinamento autoritario), ma anche il referendum del 4 dicembre con il quale la grande maggioranza degli italiani ha respinto, grazie anche al ruolo svolto dall'Anpi, il tentativo di stravolgimento della Costituzione italiana e, ancora di più, ha chiesto di valorizzare la nostra carta fondamentale che detta regole nette e chiare contro l'uso della guerra, anche convenzionale, e per regolare i conflitti tra i Paesi (art. 11: l'Italia ripudia la guerra), imponendo che l'azione internazionale della Repubblica sia orientata a costruire la pace e la giustizia fra le Nazioni". 

Occorre cogliere l'occasione del 25 aprile per fare riuscire le manifestazioni promosse dall'Anpi e per partire proprio da questo appuntamento per dispiegare un forte movimento contro la guerra e per la pace, riportando nelle sedi politiche e istituzionali internazionali le iniziative per risolvere i conflitti.

 

Nessuno può assistere indifferente.

Nessuno può assumersi la responsabilità di lasciare che l'attuale deriva verso l'uso della guerra produca esiti irreparabili.


------------------------------------------------------------------------------------------------------------

APPELLO URGENTE PER LA PACE

 

Questo è un appello urgente per la pace. Un appello alla civiltà suprema del dialogo, della sua umanità, della sua intelligenza. Leggiamo e apprendiamo di bombe, di grandi eventi nucleari, di raid preventivi. Un irresponsabile e impressionante gioco alla guerra che deve essere subito fermato. Chiediamo con forza alle Istituzioni internazionali, ai Governi del mondo che si metta a tacere l'assurdo di queste intenzioni che porterebbero a effetti disastrosi e di morte già tragicamente vissuti. Facciamo appello alle cittadine e ai cittadini affinché si mobilitino per diffondere il piu' possibile voci e iniziative di pace, anche in nome della nostra Costituzione che sempre ci ricorda che "l'Italia ripudia la guerra".

 

Carlo Smuraglia – Presidente Nazionale ANPI,
Francesca Chiavacci – Presidente Nazionale ARCI
Susanna Camusso – Segretario generale CGIL
Annamaria Furlan – Segretario generale CISL
Carmelo Barbagallo – Segretario generale UIL
Roberto Rossini – Presidente Nazionale ACLI

 

 

Azioni sul documento
Le spese militari italiane
spiegate in 4 minuti


Felice Besostri spiega
i requisti per una legge
elettorale costituzionale


Attuare la Costituzione
Luciano Barra Caracciolo