PRIMO MAGGIO DI LOTTA O GUERRA E BARBARIE SENZA CONFINI?

di Umberto Franchi - 27/04/2023
PRIMO MAGGIO DI LOTTA INTERNAZIONALISTA : LA PACE IL LAVORO , I DIRITTI, O LA BARBARIE SENZA CONFINI?

L’Istituto Internazionale  di ricerca sulla pace di Stoccolma (SIPRI), calcola che nelle due guerre mondiali vi siano stati 100 milioni di vittime. Sono morti  36 milioni di soldati e 64 milioni di civili.

L’ex Consigliere della Casa Bianca  Zbignlew Brzezinski, , Dirigente dell’Imperialismo Americano, nel suo libro “Il Mondo Fuori Controllo” sosteneva che nel Ventesimo secolo le vittime di guerre e campi di sterminio erano state 167 milioni.

Ora a 14 mesi   di distanza dall’invasione della Russia dell’Ucraina  e la decisione degli  USA di far fare la guerra per procura all’Ucraina , si contano centinaia di migliaia di morti tra i soldati Russi ed Ucraini nonché  tra la popolazione dell’Ucraina.

In  Europa le relazioni politiche tra le potenze russa, americana ed europea, si sono trasformate i guerra. Torna la guerra con giovani Ucraini e Russi che si scannano, con la distruzione di città e territori, con la barbarie che avanza. Mi è capitato di vedere un video dove un giovane Ucraino si vantava di avere ucciso 500 soldati Russi ed un video dove si vede un prigioniero Ucraino decapitato.   

 E’ la macchina della guerra che spinge quei giovani verso l’odio in una forsennata propaganda nazionalista investe ambo le parti.
In  Ucraina la pena per diserzione è stata portata a 12 anni di carcere, altrettanto succede in Russia... quindi lo spirito patriottico è sostenuto a forza con anni di carcere a chi farebbe a meno della guerra.  

Nei mesi scorsi a Kiev sono stati arrestati o indagati e destituiti il ministro della difesa, diversi governatori e ben quattro viceministri, tra cui uno stretto collaboratore di Zelenski , che si arricchivano spartendosi il bottino degli aiuti occidentali tra cui quelli dell’Italia. Intascavano tangenti su armi, derrate alimentari, generatori, ecc...

I russi, come sappiamo sostengono che la guerra è la conseguenza del fatto che l’Ucraina non ha voluto dare garanzie sulla non adesione alla Nato, sull’autonomia del Donbass, sullo scioglimento delle milizie naziste... mentre gli Ucraini sostengono che loro sono un popolo sovrano e possono fare tutto ciò che vogliono compreso l’adesione alla Nato.

Ma non si tratta solo di follie, di egoismo, di fanatismo...  ne tantomeno di scontro tra democrazia ed autoritarismo, tra libertà ed oppressione... alle fondamenta della guerra c’è ancora una volta la spartizione sanguinosa dei territori e dei mercati, il tentativo della Nato/USA di opporsi al proprio declino a causato dall’emergere della potenza Cinese, attraverso l’espansione con l’ingresso nella Nato di 30 stati.   

In questo contesto la Cina ha fatto una proposta basata su 12 punti , che a mio parere sono di buon senso e tutte le parti i causa dovrebbero sedersi ad un tavolo di confronto assieme anche alla Cina , per definire un possibile accordo.

Ma invece, gli USA, i Paesi della Nato e l’Europa (solo la Francia si è distinta)   hanno  respinto la proposta Cinese e continuano nell’invio di armi all’Ucraina e nelle sanzioni economiche alla Russia .

Zelenski  sostiene che l’Ucraina è più forte  i della Russia , e che  quindi non ci saranno trattative con i Russi, ma che la guerra terminerà solo con la vittoria sulla Russia, e  che l' Occidente deve dare solo più   armi potenti all’Ucraina.

 Così abbiamo assistito negli ultimi tre mesi ad una aumento progressivo delle forniture d’armi e carri armati di ultima generazione, all’Ucraina da parte delle “potenze occidentali”

Di fatto ad un anno di distanza dall’invasione Russa, la guerra è diventata una guerra di spartizione imperialista delle terre dell’Ucraina.

Zelensky, Biden,  pensano che Putin  sia con le spalle al muro e possano giovarsi della sconfitta della Russia ... riaffermando il ruolo di potenza degli USA attraverso la guerra per procura fatta fare dagli Ucraini...

Ma  in realtà l'esercito della Russia dall’inizio dell’anno  ha occupato le città di : BAKHUMUT, LYSYCHANSK, SEVERODONETSK... controllando di fatto tutte le due regioni di DONETSK e LUHDNSK, quasi tutto il Donbass.

Quindi dopo un  anno dalla guerra, i Russi  praticamente controllano tutto il Donbas nonché dal 2014 anche la Crimea... ma  ZELENSKY la Nato/USA l’Europa vogliono sconfiggere la Russia .

In realtà credo che quello che gli USA e la Nato non accettano della proposta Cinese riguarda il punto uno che chiede il rispetto dell’integrità e sovranità di ogni Stato, il punto due , in quanto vogliono continuare nella politica imperialista dell’espansione della Nato inglobando anche l’Ucraina... il punto 11 in quanto non vogliono cessare di utilizzare le sanzioni per indebolire le economie  sia della Russia ma anche della Cina.

Gli Stati Uniti dicono no al Piano Cinese perché  vedono soprattutto nella Cina, il grande nuovo rivale... Una Cina che con la sua potenza economica ha scosso il vecchio ordine mondiale, con Pechino che appoggia politicamente ed  economicamente Mosca , cercando però una via di uscita accettabile per tutte le parti in causa. Ma a livello geopolitico giocano la loro partita anche il novero di grandi e medie potenze emergenti tra cui India e Brasile.

E comunque il Presidente della Cina Xi , ha affermato che Il rispetto reciproco per la sovranità e l'integrità territoriale, è il fondamento politico dei legami bilaterali e che la Cina invierà un rappresentante speciale del governo cinese per gli affari eurasiatici in visita in Ucraina e in altri paesi per condurre una comunicazione approfondita con tutte le parti sulla ricerca  di soluzione politica della crisi.

Ma in questo contesto , si sta sviluppando anche la rincorsa al riarmamento di tutte le potenze  , nessuna esclusa, con le classi dominanti dell’occidente che danzano sull’orlo del baratro di uno scontro diretto tra Nato e Russia che aprirebbe la porta al terzo conflitto mondiale senza  vinti ne vincitori.


Occorre allora capire che le fondamenta della guerra stanno soprattutto nella forma capitalistica di produzione, nella concorrenza per il maggior profitto, nelle frontiere che divide in Stati.


Schierarsi contro tutte le guerre significa soprattutto sviluppare una lotta quotidiana contro le condizioni che le determinano.

    L’età per andare in pensione a 67 anni ed in base alla “riforma Fornero” nei prossimi 10 anni si andrà in pensione a 70 anni;
    Abbiamo le pensioni più basse d’Europa che rispetto al costo reale della vita negli ultimi 15 anni si sono ridotte del 17%, con il 37% di esse sotto 1.000 euro;
    abbiamo i salari più bassi d’Europa inferiori del 15% rispetto a 10 anni fa e del 3% rispetto al 1992;
    abbiamo l’inflazione al 12% con le tariffe ed i prezzi dei generi alimentari più raddoppiate;
    la disoccupazione giovanile al 37%;
    Abbiamo la legge “Biagi” che permette 45 forme di lavoro precario, frantumato, flessibile, con l’80% dei nuovi assunti tutti precari;
    Hanno abolito l’art. 18 dello Statuto dei diritti dei Lavoratori ed ora i padroni possono dire all’operaio: “fai come ti comando e lavora anche senza sicurezze altrimenti lì c’è il cancello” !
    Abbiamo il fisco alla rovescia dove chi guadagna meno paga di più e chi guadagna di più paga di meno;
    abbiamo la sanità pubblica che dal 2012 è stata tagliata di 37,5 miliardi con gli ospedali e soprattutto i pronto soccorsi collassati, allo sfacelo;
    Abbiamo gli orari più lunghi d’Europa, con i salari di “merda” più bassi d’Europa;
    Abbiamo disuguaglianza immensa con un 10% di popolazione che detiene il 55% di tutta la ricchezza esistente in Italia ed un 30% di popolazione che detiene lo 0,40% della ricchezza esistente ;
    Abbiamo gli imprenditori, gli autonomi che per fare più profitti anziché investire i loro capitali nell’innovazione di processo e prodotto, riducano il costo del lavoro abbassando i salari e la sicurezza sugli impianti causando 1.400 morti sul lavoro;
    Abbiamo gli “Onorevoli” più pagati d’Europa, che in un mese percepiscono più di quanto percepisce un operaio in un anno...; abbiamo  i manager che in un mese percepiscono quanto un operaio guadagna in 10 anni;
    Abbiamo 6,5 milioni di persone in povertà assoluta senza cibo per sfamarsi e 12 milioni di persone in povertà relativa che con le spese non arrivano alla terza settimana del mese .

Abbiamo anche la Meloni con il suo governo, in 6  mesi di attività ha  deciso:

-in politica estera si e' asservita agli USA ed e' atlantista come il suo predecessore Draghi ed invia le armi in Ucraina, come gli ordina Biden;

- ai pensionati sopra i 1400 euro mensili ha tagliato le pensioni attraverso il recupero dell'inflazione con il tetto all'1,9% , al 75% anziché al 100% ;

sui salari ha detto: no al salario minimo,  che gli incrementi possono esserci attraverso il recupero di produttività  e tagliando le tasse alle imprese,  quindi mai, come gli ordina la Confindustria;

- sulle tasse ha già  fatto la flat tax , facendo pagare ai ricchi autonomi fino a 85.000 euro solo il 15% con un risparmio di 700 euro al mese... ma non e' contenta e pensa di ridurre gli scaglioni Irpef da 4 a 3,  con ulteriore vantaggio dei ricchi mentre ai ceti medi e poveri vuole togliere anche le detrazioni;

- ha predisposto un disegno legge sull'autonomia differenziate dando alle regioni poteri dello Stato , privatizzando la sanita, scuola, servizi, trasporti, con i livelli essenziali di prestazioni ai minimi e con le regioni più povere che non avranno piu' le risorse necessarie ;

- ha fatto una legge sugli appalti pubblici che deregolamenta, con gare al minimo. frantuma il lavoro con più morti, dando inoltre la possibilità alla mafia di inserirsi negli appalti;

- alla sanità pubblica ha destinato solo 1,9 miliardi in due anni che serviranno solo a pagare gli aumenti dell'energia , mentre gli ospedali ed i pronto soccorso resteranno allo sfacelo, 'facendo un favore alle cliniche private ;

- sulla giustizia sta preparando una legge per prescrivere ulteriormente i reati, ed mettere il bavaglio ai giudici, per mettere i giudici sotto l'egida del governo attraverso la separazione delle carriere;

- fa la battaglia contro i poveri dimezzando il reddito di cittadinanza ed i tempi di copertura;

- da copertura a tutti gli esponenti fascisti che un giorno si e l'altro pure inneggiano e si comportano da fascisti;

- voleva bloccare gli immigrati ma in due mesi sono entrati in Italia 20.000 migranti e fatti morire 140 di essi;

- ha incrementato la benzina di 30 centesimi con grave danno dei più poveri e l'incremento dell'inflazione fino al 10%.;


- Ha fatto una  delibera di un bonus  di circa 500  euro mensili per eventuali acquisti di tablet, smartphone, portatili airpods della Apple e  monitor, ai poveri parlamentari, (nessuno li ha rifiutati);

- Ha Premiato gli evasori che hanno evaso il fisco nel 2019/20/21, i quali potranno mettersi in regola riducendo di 10 volte la sanzione , non più il 30% ma il 3%... sostenendo che è “una tregua fiscale”;

- la Meloni ha stabilito un decreto dove di fatto viene annullata una sentenza dell’antitrust annullava l’incremento speculativo delle tariffe gas e luce ed altre bollette... Così non solo i rincari ingiustificati non verranno resi agli utenti , ma danno il via libera ad ulteriori rincari che le società fornitrici  hanno già deciso di intraprendere a danno dei cittadini utenti, continuando nei favolosi extraprofitti.

Dobbiamo  continuare a stringere la cinghia e soffrire ? oppure incrociare le braccia,  fermare il lavoro, fermare le scuole, scioperare ?

Oltre a quanto sopra, Cosa può fare    ancora peggio la Meloni ? Come fermare le classi economiche finanziarie speculative ed imperialiste ?


Già nel 1915, Rosa Luxembrg disse: “L’Umanità è di fronte ad un bivio”: ci troviamo di fronte a dover scegliere tra il trionfo dell’imperialismo con distruzione, spopolamento, degenerazione, grande cimitero... oppure la vittoria del socialismo... ma quella prima guerra mondiale si risorse con il grande cimitero, seguita della seconda guerra mondiale chiusa con il lancio delle bombe atomiche USA su Hiroshima e Nagasaki che di botto causarono 200.000 morti civili...

Credo che solo un’Organizzazione sociale che superi le forme capitalistiche  e che regoli la produzione in base ai bisogni... e che metta in comune le potenzialità della specie umana ... può eliminare le crisi, lo sfruttamento, le guerre.

E’ necessario fermare la follia della guerra, legando le questioni della pace strettamente con la lotta  per modificare lo stato  economico, sociale, dei pensionati, dei lavoratori, degli studenti, di tutte le classi subordinate.

  Credo che al di la dei tentativi di negoziati portati avanti dalla Cina,   la guerra possa essere fermata  a partire dal blocco dell’invio delle armi ai Paesi contendenti,  solo se si mettono assieme gli operai dell’Ucraina, della Russia e di tutti  Paesi del Mondo incrociando le braccia con uno sciopero Mondiale !



Umberto Franchi

Questo articolo parla di:

1 maggio 2024

Appello sindacati gaza

Bashir Al-Sisi
2 maggio 2024

Un tristissimo Primo maggio

Cristina Quintavalla
archiviato sotto: