Fermiamo la violenza di stato nelle carceri: lo scandalo di Santa Maria

di Lino D’Antonio - Liberacittadinanza.it - 02/07/2021
Di una gravità inaudita quanto accaduto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Di una gravità inaudita quanto accaduto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, degno dei più bieco regime autoritario.

Pare che anche la direttrice intervenisse a colpire i detenuti con il manganello e tra i destinatari di queste inaudite violenze, anche un disabile sulla sedia a rotelle,

Ci si chiede dove sia andato a finire non solo il più comune senso di umanità, ma anche il rispetto di regole basilari e di ciò che prevede la nostra Costituzione, ampiamente violata in quel di Santa Maria Capua Vetere. I fatti accaduti gridano vendetta e ci si auspica pene severissime sia per gli agenti che per l'ineffabile direttrice.

Dice Salvini di essere sempre dalla parte della polizia, ma bisogna punire gli abusi. Ci mancherebbe: sempre dalla parte delle Forze dell'Ordine, quando esse agiscono nella legalità. Purtroppo non sempre è accaduto, vedi Genova del 2001, il macello nella scuola Diaz e il caso Cucchi, solo per citare alcuni gravi episodi.

Quanto a Genova durante il G8, la destra italiana, allora al governo del paese, era nella cabina di regia delle violenze. Ebbene, oggi, il leader della Lega e tutta la destra nel suo insieme, non sempre hanno condannato gli abusi e solo per interessi di parte si sono schierati con le Forze dell'Ordine!

Lino D’Antonio

Clicca QUI per firmare

Questo articolo parla di:

24 aprile 2024
19 aprile 2024
26 aprile 2024

L’TALIA NON SI TAGLIA

Redazione Carteinregola
archiviato sotto: