Lettera a Elly Schlein

di NOI PER LA COSTITUZIONE - 09/03/2023
Siamo preoccupati per il rischio più forte del solito che il nostro sistema democratico sia stravolto, visto che l’attuale maggioranza governativa è composta da forze che non si sono mai riconosciute nel dettato costituzionale.

Gentilissima Elly Schlein,

 siamo un gruppo di cittadine e cittadini uniti sin dal 2001 dall’impegno per la difesa della nostra Costituzione repubblicana e per la realizzazione dei suoi Principi e ci siamo spesso trovati su posizioni diverse, quando non contrapposte, rispetto a quelle enunciate dal Suo attuale partito: pareggio di bilancio in Costituzione, Jobs act, riforma costituzionale Renzi/Boschi, leggi elettorali Italicum e Rosatellum e loro declinazioni, ecc.

La Sua elezione, alla quale hanno contribuito anche persone appartenenti al nostro movimento, ci permette ora di sperare in una maggiore vicinanza in futuro.

Non possiamo però non esprimere la massima preoccupazione per il rischio più forte del solito che il nostro sistema democratico sia stravolto, visto che l’attuale maggioranza governativa è composta da forze che non si sono mai riconosciute nel dettato costituzionale.

A fronte di questa situazione riteniamo essenziale la costruzione di una opposizione unita che punti anche a recuperare la partecipazione popolare alle scelte politiche.

Per questo, pur coscienti delle complessità e dell’impegno connessi con il Suo nuovo incarico, sollecitiamo l’apertura di una ampia e partecipata riflessione sulla opportunità, dopo un anno di guerra, di proseguire nel progressivo aumento del sostegno armato all'Ucraina, che sembra allontanare qualunque concreto impegno per una trattativa con prospettive di pace.

La invitiamo anche a esprimersi in modo esplicito su alcuni temi delicati e cruciali che riteniamo debbano essere affrontati senza alcun possibile equivoco e incertezza in coerenza al dettato costituzionale:

- la cosiddetta “autonomia regionale differenziata”che, grazie a una interpretazione del 3° comma dell’art. 116 Cost. in contrasto con i principi fondamentali della stessa Carta, rischia di minare l’unità del Paese e di negare l’obiettivo dell’eguaglianza di tutti i cittadini;

- i sistemi elettorali, anzitutto quello nazionale, ma anche quelli regionali e comunali, negano una reale rappresentatività delle assemblee elettive e necessitano di una profonda revisione allo scopo di garantire la rappresentanza delle minoranze, restituire ai cittadini il potere di scegliere i propri rappresentanti e recuperare la centralità del Parlamento come sede del confronto politico trasparente e della ricerca del consenso.

In attesa, cogliamo l’occasione per congratularci del Suo successo e per augurarLe buon lavoro.

 

NOI PER LA COSTITUZIONE

facebook/RetePerLaCostituzione

24 aprile 2024
19 aprile 2024
26 aprile 2024

L’TALIA NON SI TAGLIA

Redazione Carteinregola