Il Sulcis Iglesiente sul piede di guerra per la chiusura del Pronto Soccorso del CTO. In crisi tutti i PS sardi

di Claudia Zuncheddu - 26/06/2022
Comunicato stampa

Il Pronto Soccorso dell’ospedale CTO di Iglesias, dalle ore 20, di sabato 25 giugno, ha chiuso i battenti.

Il personale sanitario viene trasferito al Sirai di Carbonia al fine di garantire la funzionalità dell’emergenza-urgenza, servizio a cui è deputato questo presidio ospedaliero. L’assenza di quattro medici, per motivi di salute, paralizza l’assistenza nel vasto territorio del Sulcis Iglesiente.

Non è una novità che tutte le strutture sanitarie della Sardegna operino sottorganico.

Con l’alibi della carenza di medici e di infermieri, di fatto a tutt’oggi la politica non affronta concretamente la necessità di assumere personale ospedaliero e di attribuire le titolarità di medicina di base per tutte le sedi carenti.

Gli specialisti in medicina d’emergenza urgenza, figure indispensabili nei Pronto Soccorso, sono sottopagati, non usufruiscono di riposi aggiuntivi per il lavoro usurante e chi può fugge o sceglie altri percorsi specialistici.

E’ grave che la politica cerchi soluzioni con i “medici in affitto”. Medici superpagati, privi di competenze e non assunti con regolare concorso, non possono rimpiazzare gli specialisti in medicina d’emergenza urgenza.

I pazienti che arrivano nei PS necessitano di un’assistenza dedicata, ma il livello di tutela della salute crolla se mancano le competenze mediche e con esso crolla anche la tutela della dignità delle professioni e dei professionisti.

Bisogna investire risorse sul personale. Aumentare le retribuzioni e puntare sulla formazione. La specialità deve essere resa appetibile. Il Pnrr non può essere lo specchietto per le allodole in mano alla politica. Il Pnrr prevede solamente investimenti in infrastrutture: ingannevoli Case della salute e Ospedali di comunità, mentre si smantellano gli ospedali veri.

Se la carenza di medici nei Pronto Soccorso di regioni più avvantaggiate è passata dal 30% al 48% in pochi mesi, in Sardegna siamo alla chiusura.

Se nella ricca Lombardia, dove oltre il 40% della Sanità pubblica è stata privatizzata, per la carenza dei medici di base, la politica paradossalmente arriva a proporre gli infermieri come supplenti dei medici di base. E’ la celebrazione del tramonto del Sistema sanitario pubblico. Intanto in Sardegna i nostri giovani medici formati, attendono da anni la titolarità e nei territori si muore davvero.

Senza una programmazione adeguata non può esistere tutela della Salute.

Quando in ospedali sardi si tagliano i laboratori di analisi, si chiudono i pronto soccorso e persino gli obitori, si decreta la morte della Sanità pubblica per responsabilità politica trasversale.

 

Claudia Zuncheddu – Rete Sarda per la Difesa Sanità Pubblica

Questo articolo parla di:

10 agosto 2022

La spaccatura

Francesco Baicchi
archiviato sotto: ,