Sostituzione Etnica

di Corrado Fois - liberacittadinanza.it - 19/04/2023
Noi vogliamo combattere la sostituzione etnica in Italia- Lollobrigida ( non Gina)

Il bello di chi ci governa è che, più o meno da sempre ed in modo bipartisan, ha la bocca tanto larga quanto malamente connessa al cervello. In tale contesto è oggi la volta di osservare ciò che ha detto un tale sior Lollobrigida esponente di quella maggioranza che il sagace Popolo Italico si è scelto… peraltro in perfetta coerenza col passato, assunto che non ne ha mai scelta una decente.

Il Lollobrigida, durante un’ospitata in un congresso/convegno/raduno Cisal ( Confederazione dei sindacati autonomi ) ha sparato un’intemerata degna di nota. Ha detto – veramente!- che bisogna incentivare le nascite per porre fine alla sostituzione etnica. Esaminiamo il poderoso tema sollevato dal Lollobrigida ( in proposito suggerisco alla Schlein, che in quanto ad innovazione non è seconda a Letta, di trovare una Loren, così si fa opposizione mica come in Francia od Israele!) e vediamo le due questioni poste dal Lollobrigida, separatamente.

Nel lato incentivare le nascite suggerisco al Lollobrigida tre cose concrete, una innovativa, una geopolitica, una comportamentale. 1- il Lollobrigida potrebbe far multare gli scapoli. E’ un’idea innovativa appena appena usata da Mussolini, ma insomma dai ..roba passata in famiglia; 2- in geopolitica il Lollobrigida potrebbe far trasferire, spesate, le coppie in un altro paese governato decentemente. Sono certo che tutto si rimetterebbe in modo; 3- comportamentale. Suggerisco al Lollobrigida di formare dei sostenetor che andranno casa per casa a dire alle nuove coppie: ragazzi siete disoccupati o precari o non avete casa. C’è la crisi mondiale. La minaccia ambientale ed atomica è qui davanti. C’è un sistema politico generale nazionale e locale che fa vomitare.. ma voi..o coppie eroiche .. fate figli con fiducia perché l’amore vince sempre ed eviterete la sostituzione etnica. E magari inserire nel bilancio un reddito di riproduzione. Naturalmente con certificato etnico, off course. No, scusate in italiano .. di corsa.( traduzione gentilmente fornita dal La Russa.. ma ghi è Luca Scenco? )

Ed appunto sul versante del ragionamento lollobrigidico esaminiamo ora la sostituzione etnica. Va detto che all’altezza qualitativa del tema, così squisitamente posto dal Lollobrigida, opporrò un ragionamento articolato coi modesti mezzi del mio pensiero e del mio pensare.

Quindi, consapevole dell’impari lotta, mi faccio aiutare da qualcuno. A partire dalla Treccani.

Il gruppo etnico viene percepito nell’immaginario collettivo come un aggregato sociale omogeneo, i cui membri condividono una cultura una storia una lingua, un territorio una religione ecc. e rivendicano per questo una identità comune. Così la Treccani chiarisce il concetto di etnia ed aggiunge che questa è la definizione corrente dagli anni 70. Come traspare da ogni sua parola l’Enciclopedia è assolutamente ben nota al Lollobrigida, anche perché essa è perfettamente made in Italy. No, scusate in italiano: di madre Italica ( traduzione gentilmente fornita dal ministero dell’Istruzione).

A partire da tanta chiarificazione vedo se mi riesce di cogliere il rischio sotteso alla sostituzione, tanto rimarchevole da spingere il governo a far da barriera con italici petti e menti poderose.

Provo con un esempio a chiarirmi le idee. Nel momento in cui la Meloni, romana e fieramente appartenente al gruppo sociale omogeneo con cui condivide storia lingua ( come noto ) e religione ..dicevo.. nel momento in cui ha sostituito Draghi, egli pure romano, non si registra alcuna sostituzione etnica. E fin qui tutto bene, sono certo che il Lollobrigida è sereno. Quando invece ad Enrico Letta, toscano, si sostituisce la Schlein nata in Svizzera… lì si che sussiste la sostituzione etnica!!

Cari ConCittadini ora mi è chiaro qual sia il primo assunto di rischio sottolineato dal Lollobrigida. La sostituzione etnica è concorrenza sleale. Si importano miglioramenti – anche piccoli - a parità di costo. Appare evidente quanto tutto ciò possa turbare il sagace relatore.

A meno che, sempre il Lollobrigida, non stesse alludendo alla sostituzione razziale. Tema diverso che offre il fianco ad altri ragionamenti, che ora faremo. Tuttavia va dato atto, al più volte citato Lollobrigida, che questa è una forzatura concettuale. Egli non ha mai parlato di razza. Un po' perché il tema è inopportuno, ed il nostro è uomo di mondo va!, ed un po' perché anche le idee sbagliate, quando dichiarate con chiarezza ed assumendosene la responsabilità, richiedono coraggio. E, per dirla col Manzoni, se uno non ce l’ha non se lo può dare..

Dunque – seguendo in modo ortodosso e cogente la definizione Treccani - è sostituzione etnica quando utilizziamo il Ministro Nordio, trevigiano, al posto di Cartabia, milanese. Se si colloca Salvini, milanese, al posto di Giovannini, romano. In un’ottica di stretta osservanza concettuale si rimarca quanto il governo Meloni - in cui, da qualche parte non so dove, abita il Lollobrigida- stia praticando la sostituzione etnica. Senza incremento, almeno ufficiale, della natalità.

Ora facciamo finta che il Lollobrigida, in un slancio di verità assoluta e coraggio, avesse detto in stile LegaNord … uè facciamo figli se no ci riempiamo di negri e marocchi … si porrebbero due temi particolarmente suggestivi. Uno di visione demografica, l’altro più schiettamente politico.

In demografia annotiamo quanto l’Essere Umano sia tendenzialmente capace di spostarsi qui e là. Raggiunta la meta del suo peregrinare egli sa stanziarsi, sommandosi e mescolandosi coi locali. Così fonda clan e poi tribù, ed a seguire comunità ed etnie che accrescono il Mondo, determinano nuove culture, costruiscono società imprevedibili. Ad esempio vedi i Romani, così cari al governo attuale. Infatti ciò che teme il Lollobrigida avviene da sempre e l’abbiamo praticato moltissimo noi Italici, da millenni fino ad oggi.

Visto il loro terrore immagino che nessuno abbia informato del fatto i sovranisti, ma che ci posso fare? E’ da un po' che si negano, difficile recapitargli le mail.

Orbene: se ogni etnia locale per difendersi dalla possibile sostituzione figliasse, e si istituisse una gara a chi ne fa di più .. beh ..il Pianeta sarebbe abitato da una 40ina di miliardi di Umani, non dagli 8 attuali, more o less ( no scusate ..in italiano..aggiungi o togli ).

Dunque l’idea del Lollobrigida è, per dirla urbanamente, una grandissima stronzata. Ecco.

La sostituibilità si basa sul declino non su natalità e/o razza. Se un continente, od un popolo, è al tramonto, se non ha creatività e forza, fiducia e tenacia; se non esprime più leader e valori coerenti con l’evolversi del tempo, è destinato a soccombere. Altri Popoli prenderanno il suo spazio ed esso – continente o popolo – scomparirà dalla storia.

Questa, appena citata, è la teoria basica di tutta la storiografia ed anche la filosofia di destra. Non mia, io faccio riferimento ad altri pensieri in cui il principio di sostituibilità è fondato sulla dinamica tra classi. Dunque non su razze od etnie o culture o fedi o inclinazioni sessuali, sulla sostituzione di classe. Sorry .. ah no, in italiano. Pardon.

Sior Lollobrigida io sono un testacchione e so bene quanto costi fatica leggere e capire. Ma se lei ed altri par suo sfogliassero i libri almeno della loro parte scoprirebbero cose strane. Basterebbe, chessò Heidegger. Scoprirebbero, appunto i lor signori, che, a parte Gobineau un noto coglione, pochi pensatori conservatori o di destra parlano di razza come problema ascrivibile al declino di una comunità o di un’etnia.

Scomparsa e declino sono il prodotto evidente di una sostanziale incapacità di progetto, di una mediocre gestione politica, dell’approssimazione parolaia e della pigrizia.

So che il Lollobrigida, come ogni politico medio italiota bipartisan, preferisce dire che fare. Scaricare responsabilità su migranti e non assumerle come classe dirigente. Quindi non mi stupisce quel che dice. Per quanto grottesco ed insensato sia, sta perfettamente nel quadro di ciò che vediamo oggi ..ed in una buona parte anche ieri.. al potere.

Cari ConCittadini è proprio questo sentimento, questo vuoto che alla fine di tutta questa ridicola e patetica vicenda mi colpisce di più. Mi colpisce che non mi stupisco più.

Si, vero, mi viene sempre da vomitare. Ma lo faccio con calma e flemma ..senza più stupore.

Infine..

non per mescolare tutto questo profano con un tema sacro .. ma lo ricordo MicroMega ha bisogno di sostegno, credo che tocchi a tutti noi farlo. Sono a disposizione se mi si indicano forme e modi.

Have a good time ..no scusate in italiano ..auguro tempi migliori.

Questo articolo parla di:

15 giugno 2024
18 giugno 2024
archiviato sotto: