379 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento








Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Crescita, cura e territorio
Non abbiamo alternative: dobbiamo abbandonare il paradigma della crescita (la cui anima ha un nome ben preciso, accumulazione del capitale) a favore di quello della cura
Si trova in ARTICOLI / Ambiente
Alfiero Grandi. PNRR. Gli interessi esistenti puntano ai soldi, il clima è a rischio
Il PNRR rischia di finanziare la conservazione dell’esistente, di sprecare una grande occasione.
Si trova in ARTICOLI / Ambiente
Abbandonare il paradigma della crescita a favore di quello della cura
La globalizzazione, quella che ha portato tante produzioni e molto lavoro in altri paesi, alla ricerca di salari più bassi, di diritti umani ancora più ridotti, di difese ambientali inesistenti, quella deve invertire
Si trova in ARTICOLI / Ambiente
Alfiero Grandi. Sul clima il governo Draghi è atteso alla prova dei fatti concreti
Spiace dirlo ma il governo non sembra nell’ordine di idee di essere il protagonista di questo progetto di innovazione. Per lo meno il ministro appare sfasato rispetto alle urgenze e finora i risultati latitano
Si trova in ARTICOLI / Ambiente
Per il diritto all’acqua pubblica, «Guai a chi la ruba»
Il 20 in piazza a Napoli. il Forum dei movimenti italiani per l’acqua ha indetto una manifestazione nazionale a Napoli, il 20 novembre per affermare il diritto alla gestione pubblica dell’acqua
Si trova in ARTICOLI / Ambiente
Civitavecchia, un progetto di transizione integrale
In qualche modo questo processo dà corpo al progetto di quella “coalizione sociale” lanciato anni fa da Landini e poi lasciato cadere, che oggi in parte si ripresenta con la formula del sindacato di comunità, a cui le lotte esemplari di questa fase stanno in qualche modo dando concretezza.
Si trova in ARTICOLI / Ambiente
Alfiero Grandi. Cop26, Glasgow ha deluso, ma ora evitare sbandamenti e assumersi più responsabilità sul clima
Le rinnovabili possono essere per l’Italia quello che è il nucleare per la Francia. Quindi ora tocca a noi, Italia, Europa, Occidente sviluppato, fare una scelta strategica per salvare il pianeta.
Si trova in ARTICOLI / Ambiente
L’economia e l’ultimo giro di giostra
L’ignavia dei principali governi del mondo sono due: «Da una parte la capacità delle lobby dell’industria dei fossili è ancora fortissima. Dall’altra la classe politica dirigente ha una paura matta di compiere scelte che potrebbero apparire “impopolari”.
Si trova in ARTICOLI / Economia
GLASGOW CHE TEMPO FA ? COP 26, UN NUOVO FALLIMENTO
Nella bozza di accordo non esiste un vero Piano per risolvere la crisi climatica, non ci sono penalità per coloro che non applicano l’accordo, quindi non esistono impegni vincolanti ma solo su base volontaria, ed anche i controlli di verifica annui previsti, non potranno fare altro che constatare la continuità dell’emergenza climatica Mondiale .
Si trova in ARTICOLI / Ambiente
La grande truffa dello zero netto
British Petrolium investirà nei prossimi anni 71 miliardi di dollari per estrarre combustibili fossili. Blackrock, la più grande società di investimenti nel mondo, ha investito 85 miliardi di dollari nell’industria del carbone e 75 in aziende che ricavano petrolio dalla sabbie bituminose, ma – non contenta – guida anche la classifica delle aziende impegnate nella deforestazione
Si trova in ARTICOLI / Ambiente