“Ne abbiamo abbastanza. Ne avevamo avuto già abbastanza”. L’editoriale di Albertina Soliani

di Albertina Soliani - Istituto Alcide Cervi - 12/10/2021
COMUNICATO STAMPA - Istituto Alcide Cervi - Gattatico (Reggio Emilia) 11 ottobre 2021

“Sabato 9 ottobre 2021, si è consumato un atto senza ritorno per la consapevolezza nazionale. Una manifestazione pacifica e imponente di cittadini contrari alle disposizioni governative in merito al controllo della salute pubblica si è trasformata in un attacco preciso e premeditato alla sede del principale sindacato italiano, lasciando ampia e documentata devastazione. Non è stata una accidentale infiltrazione di forze dell’estrema destra italiana, spesso padrone del campo a Roma; non si parla di una occasionale contaminazione tra protesta e violenza. No. Si è trattato di assalto chiaramente preparato, lungamente desiderato, covato all’interno di un movimento che non ha mai ripudiato la presenza neofascista al suo interno, né ha mai contrastato la regia strategica di certe sue azioni, linguaggi, metodi appaltata allo squadrismo organizzato e impunito in questo Paese.

Stamattina, 10 ottobre 2021, l’Istituto Cervi era presente al presidio della Camera del Lavoro di Reggio Emilia, insieme a tanti cittadini e rappresentanti delle istituzioni e della società, che è tutta civile e non ha bisogno di distinguersi in politica in base alla carica o alla rappresentanza. Lo abbiamo fatto in contemporanea con tante altre città e comunità che hanno mobilitato la cittadinanza attorno ad un confine, un vallo superato una volta di troppo. Da molto tempo.

Da oggi, qui e ora, può e deve partire un percorso di coscienza. Da oggi non è più possibile alcun equivoco tra parole e azione, tra passato e presente. Siamo di fronte alla reinvenzione di un fatto vecchio, dunque modernissimo e insidioso: il fascismo passa all’azione. Fa quello che sa fare meglio: attacca e nasconde la mano: dietro ai manifestanti pacifici e scettici del green pass oggi, agli agrari accondiscendenti e impauriti dalle rivendicazioni ieri. Il fascismo sa sempre di se stesso: di violenza, di intimidazione. Il fascismo si nutre sempre delle stesse cose: della superficialità dei complici, della pavidità dei guardiani, dell’indifferenza di tutti gli altri.

Possiamo sapere tutto quello che vogliamo sapere sul fascismo, e lo sanno anche i volonterosi opportunisti che hanno consentito ad un movimento legittimo (una diversa opinione sulle misure sanitarie in corso) di diventare l’ennesimo incubatore, il portatore malsano di un germe le cui varianti non sembrano finire mai. È ora che i fascisti sappiano che c’è una barriera, civile, pacifica, democratica e indistruttibile, di istituzioni e cittadini insieme, di società e di individui che li riconosce per quello che sono: una minaccia alla pace e al benessere della collettività. Non ci sarà modo migliore per celebrare il prossimo anno, centenario del fascismo, che constatarne la definitiva espulsione da ogni ordinamento e da ogni dimensione legittima nostro Paese. Lavoreremo per questo insieme ai sindacati, alle istituzioni, alle associazioni, e insieme agli Italiani”.

 

Albertina Soliani
Presidente dell'Istituto Alcide Cervi

Questo articolo parla di:

14 ottobre 2021

Oltre la soglia pandemica

Franco Berardi Bifo
17 ottobre 2021

Alle radici della fragilità

Alessandra Algostino
archiviato sotto: