STRAGE STAZIONE DI VIAREGGIO: UNA SENTENZA SBAGLIATA

di Umberto Franchi - 09/01/2021
Credo che sia arrivato il momento affinché chi governa intervenga con una riforma che riduca i tempi della giustizia ed abolisca la prescrizione, quando si tratta di reati gravi come quello di stragi ed infortuni sul lavoro !
Nessuno può dimenticare cosa avvenne a Viareggio  nella notte tra il 29 e 30 giugno 2009.
 Ci fu  l'ennesima strage ferroviaria, con   15 morti immediati  e circa 30 feriti gravemente ustionati,  17 di loro ,moriranno successivamente  in modo atroce, portando il totale dei morti a n. 32.
Ma sono oltre 100 gli “incidenti” sul lavoro  avvenuti sulle linee ferroviarie Italiane negli ultimi 20 anni ,  essi sono costati molti morti e feriti di lavoratori , utenti e semplici cittadini.   
. Tutti incidenti che potevano essere evitati se da parte della direzione delle FF.SS.  si fosse proceduto ad effettuare la prevenzione alla fonte , sugli impianti e con la formazione, informazione e addestramento del personale impiegato.
 Anche la strage  di Viareggio rientra in una strategia economica miope delle  ferrovie dello stato privatizzate. Una strage che  è il frutto di una politica ,ancora presente, che punta alla riduzione di tutti i costi del lavoro compreso quello della prevenzione.
Una politica che negli ultimi 30 anni ha visto ridurre  di due terzi il personale ferroviario (da 224.000 nel 1990 a circa 68.000 odierni). Tutto ciò ha comportato l’introduzione di un solo macchinista alla guida dei treni con grave compromissione della sicurezza,  il taglio della manutenzione, la chiusura di impianti di verifica e controllo, la cessione della medesima manutenzione a piccole ditte private spesso con scarsa professionalità. Tutto ciò in nome del profitto.
Ma Il fatto  gravissimo della  decisione della  corte di Cassazione in merito  alla tragedia di Viareggio,  riguarda l’esclusione della circostanza dell’aggravante della mancanza delle norme di sicurezza nei luoghi di lavoro, considerando solo l’omicidio colposo che in base alla legge viene estinto e i condannati nelle due sentenze precedenti non faranno un giorno di galera.
Questo significa che secondo i giudici gli strumenti di prevenzioni esistevano, che la sicurezza era garantita e che l’incidente è avvenuto in modo fortuito.., o per colpa “del destino cinico e baro”   
Questa sentenza crea un precedente pericoloso anche per il crollo del ponte Morandi di Genova...
Sono i processi di liberalizzazione , deregolamentazione del lavoro in aziende che in precedenza erano dello Stato  e che sono state svendute e  privatizzate, come la gestione delle autostrade e  delle FF.SS. , che hanno portato al decadimento ed all’insicurezza del trasporto ferroviario ed anche quello su gomma.
A ciò va aggiunto l’indebolimento del potere di contrattazione dei lavoratori e del sindacato che a causa della crisi e del lavoro sempre più precario , sono spesso costretti a subire il ricatto tra la scelta del lavoro a danno della sicurezza o la disoccupazione.
 
Dopo la tragedia di Viareggio , sarebbe stato necessario anche  un ruolo dello Stato e del Governo ben diverso da quello che c’è stato fino ad ora… ed invece prima  abbiamo avuto, un Ministro del Lavoro  Sacconi, che ha disposto e fatto approvare  ben 46 modifiche  sostanzialmente peggiorative al Testo Unico sulla Sicurezza del lavoro, ed i governi successivi non hanno  capito  che non si crea lavoro continuando con la flessibilità, il precariato, la riduzione dei diritti e dando inutili incentivi alle imprese che assumano giovani fino a 35 anni, visto  che non potranno mai assumere giovani se non hanno commesse di lavoro.
Il lavoro si crea solo con l’innovazione alta e la sicurezza unitamente  all’incrementano i salari e le pensioni , facendo ripartire i consumi!
C’è da chiedersi: Come non capire che la prescrizione uccide il diritto dei cittadini ad avere una sentenza giusta ?
Come non vedere che negli ultimi 5 anni  la IV sezione della Suprema Corte 20 sentenze che prescrivono reati gravi riveriti ad incidenti sul lavoro e malattie professionali ? ?
 
Come fanno i Giudici a non capire che così facendo si legittima il senso di irresponsabilità  dei datori di lavoro che anziché ricercare la  competitività  attraverso l'innovazione di processo e di prodotto, alta , nonché con  la prevenzione alla fonte , riducono il costo del lavoro anche attraverso la riduzione della prevenzione e sicurezza del lavoro ?
Credo che sia arrivato il momento affinché  chi governa intervenga con una riforma che riduca i tempi della giustizia ed abolisca la prescrizione,  quando si tratta di reati gravi come quello di stragi ed infortuni sul lavoro !
Umberto Franchi 

Questo articolo parla di:

archiviato sotto:

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

I WET MARKET IN CINA E IN INDIA

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE