Il genocidio curdo da parte dello Stato turco e la sua politica di occupazione in Kurdistan non conoscono confini

di Congresso nazionale del Kurdistan - uikionlus.org - 13/05/2022

Violazione del diritto internazionale e della dignità umana

Lo Stato turco continua ad attaccare il popolo curdo con armi chimiche, ignorando così i valori umani e il diritto internazionale. Nonostante i numerosi rapporti e appelli urgenti, le istituzioni competenti (ONU, OPCW e UE) non hanno ancora iniziato a indagare sulla questione. Finora non è giunta nella regione una sola delegazione investigativa. Il fatto che queste istituzioni non adempiano ai loro doveri significa che violano le loro stesse regole e incoraggiano lo Stato turco a usare ancora più armi chimiche. Nella nuova operazione di occupazione iniziata dall’esercito turco il 14 aprile 2022, le armi vietate sono state usate decine di volte contro gli insediamenti civili e i guerriglieri curdi. Gli Stati europei, che hanno scatenato l’inferno nelle loro proteste contro l’occupazione dell’Ucraina, incoraggiano Erdoğan chiudendo gli occhi sui massacri e sull’uso di armi proibite non appena le vittime sono curdi e il Kurdistan.

La nuova alleanza per la politica del genocidio curdo dello Stato turco

Per R.T. Erdoğan, l’anno 2023 segna il centenario del Trattato di Losanna. In seguito a questo accordo, il Kurdistan è stato diviso in quattro parti e la politica di negazione e distruzione dei curdi è stata ufficialmente accettata. Il governo dell’AKP-MHP, che persegue una politica razzista ed espansionistica basata su una sintesi turco-islamica, mira a completare il genocidio curdo nell’anno del centenario del Trattato di Losanna e della fondazione della Turchia. Questa alleanza, basata sul nazionalismo religioso-razzista, è diventata il governo più terribile e pericoloso per la regione, il mondo e l’intera umanità, aggravata dalla sua collaborazione con l’ISIS.

Un’opportunità per l’esercito turco sotto la copertura della guerra tra Russia e Ucraina

Sfruttando la sua posizione geostrategica e l’atteggiamento di sostegno di Stati Uniti e Russia, Erdogan ha rapidamente iniziato un nuovo attacco al Kurdistan meridionale il 14 aprile 2022 con l’aiuto di collaboratori locali. Tuttavia, è noto che Erdoğan non è affatto un sostenitore della pace e cerca solo di manipolare il mondo per presentarsi come ragionevole. Eppure, gli Stati occidentali, che hanno ripetutamente condannato l’occupazione russa, distolgono lo sguardo dall’evidenza dell’occupazione e degli attacchi genocidi della Turchia.

Confessione sull’uso di armi nucleari da parte dell’esercito turco

Un ex generale dell’esercito turco, che ha recentemente partecipato a un programma televisivo, ha dichiarato che l’esercito turco ha usato “armi nucleari tattiche” contro i curdi. Il generale turco Erdoğan Karakuş, che ha partecipato a un dibattito sul canale televisivo “CNN-Türk”, ha affermato che queste armi sono in possesso delle forze armate e che vengono utilizzate dalle unità di artiglieria turche. Karakuş ha inoltre affermato che il tasso di distruzione di queste armi nucleari tattiche viene controllato dall’esercito, ammettendo che il Giappone è stato attaccato con una bomba atomica da 20 tonnellate, mentre l’esercito turco sta usando armi nucleari tattiche da 0,5 tonnellate o più.

Cosa è necessario per la pace e la giustizia:

●       Invitiamo l’opinione pubblica internazionale a lavorare attivamente per porre fine all’occupazione portata avanti dallo Stato turco.

●       Ricordiamo ancora una volta all’OPCW (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche) e alle Nazioni Unite i loro doveri e li invitiamo ad agire con urgenza per avviare un’indagine sull’uso di armi vietate da parte delle forze turche.

●       Chiediamo a tutti coloro che seguono criticamente l’occupazione dell’Ucraina di alzare la voce contro l’occupazione del Kurdistan.

●       Lo Stato turco deve essere ritenuto responsabile dalle istituzioni internazionali per i suoi crimini di guerra e contro l’umanità.

●       Tutti gli aiuti politici, militari ed economici allo Stato turco devono essere sospesi.

Congresso nazionale del Kurdistan (KNK)

Questo articolo parla di:

20 giugno 2022

Due pianeti diversi

Guido Viale
23 giugno 2022
21 giugno 2022
24 giugno 2022

Scire per causas

Corrado Fois
archiviato sotto: