CHIUNQUE VINCERA’ LE ELEZIONI , GOVERNERA’ COME VUOLE “IL PARTITO EUROPEO”

di Umberto Franchi - 15/09/2022
L’obiettivo più importante da perseguire con il proprio voto, non sia quello del “voto utile” (che utile non potrebbe mai essere), ma quello di portare in Parlamento delle persone che chiaramente sono contro il pensiero neoliberista e l’attuale sistema economico che questo ha generato
     LO SQUILIBRIO ITALIANO NEGLI ANNI 20 DEL NUOVO SECOLO
Negli anni 60/70, attraverso grandi lotte sociali profondamente estese , fu rotto il compromesso interclassista   e messo in discussione il ruolo del capitalismo instaurando  un sistema produttivo di stampo Keynesiano  che redistribuiva la ricchezza ed assicurava  il lavoro, diritti e stato sociale, a tutte le fasce dei ceti subordinati presenti in Italia .  
Ma la storia degli ultimi 30 anni , a partire dal 1992,  è segnata dai fatti che vedono in concomitanza il crollo dell’URSS, il dilagare della corruzione,  l’avvitamento giudiziario di tangentopoli e  il mercato unico di Maastricht...uniti all’avvio della distruzione del sistema dei partiti e del metabolismo politico che aveva fatto della DC il partito interclassista fondamentale per la borghesia italiana e del PCI il partito di riferimento delle masse popolari.
A partire dal 1992 si apre un trentennio di instabilità politica all’insegna della distruzione dello stato sociale, dello smantellamento dei beni pubblici dello Stato, con un sistema predatorio neoliberista, che ci ha portato in una situazione disperata, nella quale “il lavoro” da “fondamento della Repubblica” è diventato un “costo” per le imprese, costo che scaricano sui lavoratori   con salari di fame o con il lavoro flessibile e  precariato, con le  “delocalizzazioni ”,  con 1.400 morti sul lavoro ogni anno,  con mancanza dei diritti e gettando  sul lastrico migliaia di famiglie.
In questo contesto avviene anche il trasformismo di massa,  con le nuove formazioni politiche che incarnano spezzoni degli strati di classe  prima raccolti principalmente dai due partiti DC – PCI, con una conformazione interclassista   che  con lo scioglimento della DC e la  trasformazione del PCI in PDS , nonché  la chiusura delle sezioni e delle “Cellule del PCI” nelle fabbriche,...prende  l’avvio della politica spettacolo televisiva,  il sopravvento dei mas/media fazioso ed al soldo padronale   sulle vecchie forme organizzative di massa, generando vuoto culturale  e  ampliando forme di  individualismo.
La realtà si modifica soprattutto a causa dell’indebolimento del ruolo del sindacato e dei lavoratori nel decidere il come, il perché ed il  per cosa si lavora ... dando così il via  anche alla svendita del   patrimonio in proprietà pubblica demaniale del Popolo , rendendoci tutti poveri, togliendo il futuro alle giovani generazioni.
Sotto il motto “c’è lo chiede l’Europa” ,  nel 1990 , prima  Carlo Azeglio Ciampi e dopo con  Giuliano Amato, si è proceduto alla privatizzazione di tutte le banche pubbliche,  nonché alle “privatizzazioni” effettuate da Amato nel 1992 riguardanti: L’ENI, l’INA, l’ENEL e l’IRI, con le sue mille aziende pubbliche e oltre seicentomila dipendenti finiti sul lastrico ...
Hanno fatto seguito  le svendite di Prodi, riguardanti aziende pubbliche come, ad esempio, la Telecom, ora in mano francese,  le autostrade privatizzate da Berlusconi... ma sotto lo slogan del “meno Stato più mercato”  si sono distinti anche  Letta che ha privatizzato la produzione e la distribuzione del gas, Bersani, che ha privatizzato la produzione e la distribuzione dell’energia elettrica, fino alle ultime  “privatizzazioni”, previste da Draghi con il suo disegno di legge sulla “concorrenza”, che hanno riguardato tutti i servizi pubblici essenziali, compreso la privatizzazione dell’acqua pubblica, in pieno dispregio del referendum famoso del 2011.
L’ascesa elettorale prima  del partito azienda Forza Italia  di Berlusconi e successivamente della lega e dei 5S e del trasformismo di Alleanza Nazionale oggi Fratelli d’Italia e dalla mutazione morfologica del PD... evidenzia come le disuguaglianze si siano ingigantite mentre gli squilibri italiani si siano avvitati in crisi insolubili per via parlamentare ordinaria , aprendo la via a uomini dell’establishment europeista (o partito europeo) , che in concorso con il quirinale e la bankitalia  è stata la principale ancora di appoggio a sostegno delle classi dominanti .
In questo contesto le varie crisi dei governi di centrodestra e centrosinistra , sono stati spesso risolti attraverso decisioni dei poteri Europei instaurando governi tecnici   , con l’Europeismo dall’alto che si fa governo con  esecutivi di durata limitata che hanno il fine di riallineare i governi italiani alla linea europea. Questo è avvento con i governi di Amato, Ciampi, Prodi, Monti, Draghi.
L’ITALIA DI OGGI  SI CARATTERIZZA PER :
  • per l’insufficienza degli strumenti statali e politici di sostegno alla crescita economica e sociale in grado di indirizzare l’economia in termini socialmente compatibili con le esigenze del lavoro, dei lavoratori  e dell’ambiente. In sostanza c’è una non corrispondenza tra struttura economica e struttura politica;
  • Il vincolo esterno europeo che continua e la pluralità di sovrastrutture Europe, ovvero dei poteri politici, economici, finanziari e speculativi  multilivelli dell’Unione,  con la cessione di sovranità ad essi , per cui le prerogative e le competenze nazionali sono stati quasi tutti ceduti ai poteri Europei ;
  • Per l’attitudine italiana di collocarsi al traino del ciclo Europeo attraverso u Europeismo passivo, e l’atlantismo ad oltranza, se pure con qualche oscillazione, in cui è apparsa la possibilità di un ruolo trainante di Roma, ma sono stati solo brevi squarci ;
  • Per il sostegno sostanziale al “partito Europeo” fatto di asservimento ai grandi gruppi economici, editoriali e speculativi, che si rilevano come cardine della linea strategica Europea , dove il ciclo politico del capitalismo si caratterizza per la sua determinazione liberista ed imperialista;
  • Per i limiti della concentrazione dei capitali e la dipendenza dal debito pubblico in quanto non si vogliono affrontare i nodi del taglio del medesimo debito;
  • Per la sudditanza agli USA e le collisione esterne impresse dal declino delle potenze Atlantiche a fronte della ascesa dell’Asia, in modo particolare della Cina.
Oggi nel pieno di una campagna elettorale   che oltre a confermare tutti i tratti degli squilibri italiani sopra menzionati , con l’Europa del Recovery fund che significa due punti di PIL all’anno destinati da Bruxelles all’Italia tra prestiti e sovvenzioni, con la piena guerra per procura in Ucraina sovvenzionata, pianificata, diretta dagli USA/NATO ... con una una realtà caratterizzata dall’incredibile speculazione “con il permesso Europeo”  all’aumento mastodontico  del prezzo del gas, con la crisi energetica, con il  carovita trascinato dall’inflazione a due cifre, con la povertà che avanza in modo pauroso, e con dall’incertezza geopolitica nel Mondo... nessuna forza parlamentare di centrodestra o di centrosinistra , destinata a prendere la maggioranza dei voti con una legge infame  (Rosatellum) ,  avrà la forza e l’autonomia necessaria per esercitare un minimo di sovranità...
Essa potrà governare solo se si allineerà velocemente al “partito Europeo”  senza  mettere in discussione l’appartenenza all’Eur, le scelte del PNNR,  la collocazione Atlantica, la guerra e le armi  in Ucraina, tanto che il partito Fratelli d’Italia con la Meloni dato dai sondaggi per vincente,  si è affrettato a dare assicurazioni definendosi filoatlantica, pragmatica senza voler  apportare modifiche al PNRR, in perfetta linea con Draghi.
Credo che in questa realtà, l’obiettivo più importante da perseguire con il proprio voto, non sia quello del  “voto utile” (che utile non potrebbe mai essere), ma quello di portare in Parlamento delle persone che chiaramente sono contro il pensiero neoliberista e l’attuale sistema economico che questo ha generato. E in proposito mi permetto solo di ricordare che questo fine appare con chiarezza  nel programma di “Unione popolare”.
Umberto Franchi 

Questo articolo parla di:

17 settembre 2022
24 settembre 2022

Andiamo a votare …

Corrado Fois
21 settembre 2022

Appello al voto

Presidenza nazionale del Cdc
21 settembre 2022
archiviato sotto: